Segno e Anima

Venerdì 11 ottobre 2013 alle ore 18.00 presso la galleria InGenio Arte Contemporanea, via Montebello 28B a Torino si inaugura la mostra personale di
Giovanni Mangiacapra
“Segno e Anima”
Testo critico e curatela di Roberto Mastroianni

Segno e Anima
11 – 26 ottobre 2013
galleria InGenio Arte Contemporanea
Torino

Giovanni Mangiacapra è una figura di pittore intellettuale meridionale, cui non siamo più abituati: in lui arte, poesia ed impegno civile si fondono armonicamente, nel tentativo di leggere e interpretare il mondo e l’interiorità e portare questa relazione a rappresentazione. Giovanni è un pittore che ha fatto della lezione dell’astrattismo e dell’informale una grammatica, attraverso cui leggere e narrare emozioni e contraddizioni del rapporto tra realtà e soggettività, nel tentativo di la distanza tra il percepire e l’esprimere. Nella sua pittura il colore si presenta come una “sensazione” che la luce può restituire mettendo in scena passioni, emozioni, dolori e contraddizioni di un rapporto difficile con la società e l’ambiente. Il suo rifiuto del figurativo, in parte dettato da contingenze esistenziali, materializza un rapporto tra gesto artistico e materia, che ricorda la lezione su “Astrattismo ed empatia” impartitici da Wilhelm Worringer, grazie alla quale sappiamo che il gesto stesso può essere assunto come arte, noi potremmo dire in un “astrattismo informale” manifestando l’intenzionalità dell’artista” nel rifiuto di una “forma”, che possa essere considerata come filtro e limite imposto dalla ragione alla libera espressione dell’interiorità psichica ed emozionale. In questo modo l’artista napoletano persegue l’incrocio tra il regime dello sguardo e quello delle emozioni, al fine di dar vita a una pittura vitale e ben strutturata che si presenta come una manifestazione della forza stesa della materia e della soggettività che ad essa si rapporta. In quest’ultima fase della sua produzione l’attenzione è posta sulla ricerca di una purezza espressiva capace di alleggerire la stessa astrazione, attraverso una sperimentazione sul bianco, la sua interazione con le forme ed altri colori. Il cromatismo gentile, ma al contempo incisivo, il tratto forte e aggraziato, e i segni disseminati nelle sue opere rendono i quadri di Giovanni Mangiacapra un eco poetico della materia, dal quale emerge un rapporto quasi alchemico con la natura: è come se ogni colore incarnasse il suono, il peso e l’essenza degli elementi naturali e questi fossero messi insieme alla ricerca di una trasmutazione poetica della realtà.

Roberto Mastroianni

Orari di apertura dal martedì al sabato ore 15.00 – 19.00 orario continuato
Info: tel. 011.883157 – fax 011.884645 – email: ingenio@comune.torino.it
Patrocinio del Comune di Torino
Collaborazioni: Soqquadro – BancaEtica – Dimensione Uomo

gm composizione bianco 2013 tec m f 70x90

gm sfumature bianche  tec.m 40x40  2012 mangiacapra

gm dolci colori in bianco  tec.m su tela  f 80x80   a 2008

gm rosso bianco 2013 tec m f 70x60

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...